Archivio Ultime Notizie

29-07-2014 Canelli celebra le Cattedrali sotterranee
Il 1° agosto la capitale dello spumante festeggia il riconoscimento Unesco con...


28-07-2014 La Barbera o il Barbera?
Il Barbera è un vitigno schietto che ha difficoltà ad ottenere rispetto,...


24-07-2014 I film si “gustano” in cantina, tra cibo e buon vino
L’idea è originale: portare il cinema direttamente nelle cantine e nelle aie...


22-07-2014 Olio senza scrupoli
Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza ha messo in luce un giro d’affari...


10-07-2014 Rioja
La Rioja rappresenta la regione vinicola per antonomasia della Spagna, patria del re dei...


27-06-2014 Langhe-Roero-Monferrato Patrimonio Mondiale Unesco
I paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero-Monferrato Patrimonio Mondiale UnescoLa notizia...


26-06-2014 Esperienze di gusto con Vinando
Online il programma aggiornato per l'autunno 2014. Scopri le nuove iniziative, i...


25-06-2014 Le Ostriche
Considerata sin dal tempo dei Romani una prelibatezza, l'ostrica è probabilmente ...


06-06-2014 Riesling Renano
La dizione Riesling si identifica di norma con il vitigno Riesling Renano, originario...


14-05-2014 I vini più costosi al mondo
Per gli intenditori ci sono alcuni vini che rappresentano un must assoluto. Una passione...


03-05-2014 Sushi o Sashimi
Nella cucina giapponese il sushi è un cibo a base di pesce, alghe, vegetali o...


21-04-2014 La Borgogna, i suoi sontuosi territori e i numerosi piaceri che li accompagnano!
Stile inimitabile,...


13-04-2014 La Liguria da Bere
La superficie vitata della Liguria è di 1515 ettari, di cui 804 a Do,Denominazione...


01-04-2014 Vinitaly: caccia al vigneto più prezioso
Su e giù per l’Italia a caccia del vigneto più prezioso, per scoprire...


21-03-2014 Il Barolo e i suoi cru
Le menzioni geografiche aggiuntive del Barbaresco e del Barolo Dopo anni di...


25-02-2014 l'arte dell'abbinamento Cibo-Vino, un matrimonio di gusto
Il vino raggiunge l'apice della sua valorizzazione nel momento in cui...


31-01-2014 Vini e Formaggi, un abbinamento sublime
Sia per un aperitivo informale a casa o da amici che al ristorante o bistrot la...


24-01-2014 foie gras
Il foie gras è una specialità culinaria a base di fegato fresco d'oca e...


28-11-2013 Twitta con Vinando
Da oggi partirà un servizio su TWITTER  che Vi permetterà di chiederci...


26-11-2013 Il cioccolato fa anche dimagrire !
Buone notizie per gli amanti del cioccolato, esso non fa ingrassare. Lo afferma uno...


23-10-2013 Il manifesto dell'AMARONE
Le famiglie dell’Amarone d’arte lanciano un manifesto d’identità...


10-10-2013 Il Barbaresco
Il principe dei vini rossi piemontesi è figlio di una lunga tradizione vinicola...


20-09-2013 Champane & Champagne
Situata a 150 chilometri a nord-est di Parigi, la regione francese della Champagne...


02-09-2013 VENDEMMIA 2013
Ancora prematura una previsione ma, restando buone le condizioni...


12-08-2013 LA CANDIDATURA DELLO CHAMPAGNE AL PATRIMONIO MONDIALE DELL'UNESCO
L'Associazione dei paesaggi della Champagne ha presentato ufficialmente al Comitato dei...


30-04-2013 Tolleranza zero sul vino adulterato
Tolleranza zero sulle truffe del vino che è diventato il prodotto simbolo del...


23-10-2013
Il manifesto dell'AMARONE

Le famiglie dell’Amarone d’arte lanciano un manifesto d’identità e un ologramma per certificare l’eccellenza dell’amarone. “sovrapproduzione e prezzi low-cost minacciano prestigio e qualità del vino simbolo della valpolicella

“L’Amarone è espressione territoriale e simbolo della Valpolicella e del Veneto; vino originale per storia, caratteristiche organolettiche, varietà autoctone, tecnica produttiva attraverso l’appassimento delle uve. L’Amarone è oggi minacciato dall’eccessiva produzione, che non tiene conto delle zone vocate e si adegua ai minimi dei parametri di legge con un conseguente abbassamento della soglia qualitativa e subisce azioni commerciali che rispondono spesso a logiche di basso prezzo, in canali distributivi di massa”.
Sono queste le premesse del Manifesto dell’Amarone d’Arte, il documento identitario e programmatico presentato oggi a Milano dall’associazione che riunisce 12 famiglie storiche di produttori di Amarone (Allegrini, Begali, Brigaldara, Masi Agricola, Musella, Nicolis, Speri, Tedeschi, Tenuta Sant’Antonio, Tommasi, Venturini, Zenato).
Per Sandro Boscaini, presidente delle Famiglie dell’Amarone d’Arte, “Il Manifesto risponde a una visione di politica enologica che riteniamo essere fondamentale, basata sulla qualità e non sulla quantità. Infatti - ha proseguito Boscaini - da qualche anno, in Valpolicella, assistiamo a un fenomeno di sovrapproduzione, a fronte di una contrazione sul versante dei prezzi e, di rimbalzo, dei ricavi per i produttori. Nel 2008 sono stati venduti 6,75 milioni di litri di Amarone, mentre l’anno scorso 9 milioni. In termini di bottiglie questo significa che siamo passati da 9 a 12 milioni nel giro di due sole annate (2006-2007)”. Diversi, invece, i numeri sul fronte del fatturato legato all’Amarone che “anziché crescere - ha spiegato Boscaini - ha registrato un andamento opposto: a fronte di un + 33% sui volumi, l’asticella del valore ha perso il 16%, con una flessione da 81 milioni di euro a 68 milioni di euro”. Segno negativo anche per il prezzo delle uve, passato da 4 euro il chilogrammo nel 2007 a 1,50 di quest’anno, mentre i costi di produzione hanno registrato un trend opposto.
Uno scenario preoccupante, quello dell’impennata produttiva di Amarone, che porta le Famiglie storiche della Valpolicella ad “arroccarsi sulla collina” per difendere la qualità e l’eccellenza di uno dei tre grandi rossi italiani più famosi al mondo stoppando, ormai da anni, la loro produzione a 2milioni di bottiglie l’anno. “Alla vigilia dell’ingresso sul mercato dell’annata 2008 con i suoi 16 milioni di bottiglie, ci chiediamo quale altro record negativo andremmo a toccare con i prezzi”, si chiede ancora il presidente Boscaini che aggiunge: “di questo passo si rischia di disorientare anche il consumatore che potrebbe trovarsi a scegliere tra bottiglie che portano lo stesso nome ma con prezzi fortemente diversificati e una qualità ai limiti dei parametri di legge”. Due anni fa, infatti, il prezzo medio per ogni litro di Amarone venduto all’ingrosso era di 12 euro, mentre l’anno scorso si è fermato ad appena 7,50 euro.
Al Manifesto, le Famiglie dell’Amarone d’Arte - 2000 anni di storia enologica alle spalle – abbinano anche l’ologramma distintivo che caratterizzerà il loro vino, per ribadire la forza della qualità senza compromessi, men che meno sul prezzo.
Il Manifesto, redatto in 7 punti e sottoscritto da tutti i produttori, marca le differenze tra la nuova tendenza low cost e il prodotto ‘raro e caro’ che ha fatto la fama e la storia dei vigneti dell’Amarone. “Con queste due azioni, Manifesto e Ologramma - ha concluso Sandro Boscaini - intendiamo sensibilizzare e nel contempo lanciare un appello a tutti i protagonisti del mondo produttivo dell’Amarone. Insieme possiamo condividere politiche di produzione e prezzo che non sviliscano il prodotto e il suo prestigio”.


sfondo pagina vinando